Posted on Leave a comment

MAURIZIO ABATE live 2005

Domenica 20 Maggio ore 18

MAURIZIO ABATE
live da VOLUM E

Maurizio Abate presenta live da VOLUM E il suo ultimo disco “Standig Waters” e lo farà accompagnato dal violino di Lucia Violetta Gasti. Molta, moltissima felicità.

Il disco è uscito il 9 Aprile ed è stato pubblicato in LP per Black Sweat Records e in CD per Boring Machines.

Ecco il link per ascoltare il disco: https://blacksweat.bandcamp.com/album/standing-waters
_______

Maurizio Abate è un chitarrista autodidatta attivo fin dai primi anni 2000 e mosso da una particolare fascinazione per gli strumenti a corda. La sua ricerca e il suo approccio istintivo alla sperimentazione, in perenne connessione con la primigenia intensità del suono, lo ha portato a esplorare differenti forme di espressione che incorporassero la materia del blues, del folk dell’elettronica e della psichedelia.
Dal 2006 ha fatto uscire dischi a suo nome e con progetti collettivi e ha partecipato numerosi tour in Italia ed Europa, si è inoltre occupato di diverse fasi di produzione, dalla registrazione al missaggio di dischi di altri musicisti spiriti affini.
Tra il 2009 e il 2010 ha collaborato con la Merce Cunningham Dance Company, partecipando alla rappresentazione di “Nearly Ninety” al fianco di Takehisa Kosugi e di John Paul Jones.
Alla fine del 2013 organizza una serie di proiezioni in anteprima italiana del documentario “In Search of Blind Joe Death: The Saga of John Fahey” del regista canadese James Cullingham e sfrutta l’occasione di suonare in apertura in alcune di queste proiezioni, per provare a misurarsi con la scrittura di brani per chitarra acustica. Da questo studio nascono i brani di “Loneliness Desire and Revenge” , che documenta il passaggio da pratiche di improvvisazione, overdubbing e utilizzo creativo dello studio di registrazione alla composizione per chitarra acustica. “Standing Waters” è il suo secondo lavoro in questa direzione ed esce nel Marzo 2018 per Boring Machine/Black Sweat Records, dal vivo verrà presentato quando possibile in formazione duo chitarra acustica e violino con Lucia Gasti che ha anche curato gli arrangiamenti degli archi nel disco.
Negli anni ha collaborato con:
David Vanzan and Virginia Genta (Jooklo duo), Kawabata Makoto (Acid Mother Temple), Luca Massolin (Golden Cup), Ricky Biondetti and Ale de Zan (In Zaire), Jeremie Sauvage and Mathieu Tilly (France), Paolo Pascolo and Andrea Gullo (Reset), Giorgio Pacorig, Marcella Riccardi (Bemydelay ), Al Doum and the Faryds, Rella the Woodcutter, Canedicoda, Alberto Boccardi, Matteo Uggeri, Claudio Rocchetti, Squadra Omega, Riccardo Sinigaglia, Maurice Louca…
Ha partecipato a più di 30 dischi pubblicati da:
Troglosound, Qbico, 8mm Records, Holidays, Boring Machines, Conspiracy Records, Tulip, Black Sweat, Sloow Tapes, Time Released Sound, Alt Vinyl, Yerevan Tapes, Blackest Rainbow.

_Standing Waters raccontato da Andrea Maria Simoniello:

Con questo nuovo lavoro Maurizio Abate riprende il discorso iniziato con Loneliness, Desire and Revenge del 2015, ma con una sensibilità narrativa differente. L’aria simbolica che si respira suggerisce un vissuto personale ed universale in cui i pensieri e le percezioni rimangono come avvolti in una eterna ruota cosmica. E’ una condizione che sfocia in una sincera introspezione ed identificazione empatica tra la stasi di un animo interiore e la vitalità fluente di paesaggi acquatici stagnanti. In questa direzione la musica di Abate condensa sempre multiple gamme di spettri emotivi diversi evocati da profondi richiami naturalistici.
Le ariose aperture delle corde, i sussurri lontani dell’armonica, le cascate di fraseggi ora più pacati ora più torrenziali possono condurre nel magnifico climax della Nostalgia. Gli arrangiamenti per violino e violoncello di Lucia Gasti introducono in una dimensione da idillio, in passaggi elegiaci di toccante poesia quasi di gusto cameristico, ma allo stesso tempo bagnati dagli umori pastorali e bucolici dei paesaggi autunnali; sono dipinti intrisi di sapori e colori differenti che ricordano la luce e il candore dei tonalismi veneti o dei quadri mobili densi di significato di Tarkovskij.
Nei momenti più cupi e tristi gli accordi aperti sono come sospensioni di quesiti e tormenti irrisolti, ma il finale catartico con un piano free e minimale prelude a possibili bagliori futuri, quasi a percepire che anche dove c’è stasi il sole può comunque far brillare la speranza del nuovo sulla radura dello stagno.
Rimane il sentore di quella “libertà di espressione” stilistica cara ai visionari Fahey e Basho; ma anche una nitida interpretazione della possibilità espressiva della chitarra solista, assolutamente lirica e contemporanea per la raffinatezza del suono cristallino, che mette questo lavoro in parallelo con le fondamentali prove acustiche di altri grandi come Jim O’Rourke, Jack Rose o James Blackshaw.

Posted on Leave a comment

THE STAR PILLOW live 0905

Mercoledì 9 Maggio alle 1930

THE STAR PILLOW
live da VOLUM E

THE STAR PILLOW presenta live da VOLUM E il suo ultimo disco “Symphony for an Intergalactic Brotherhood” appena pubblicato in LP da Boring Machines. Viaggione iperspaziale, ambientone atmosferico.

Ecco il link per ascoltare il disco https://boringmachines.bandcamp.com/album/the-star-pillow-symphony-for-an-intergalactic-brotherhood

____

The Star Pillow è il progetto sperimentale drone-ambient del chitarrista Paolo Monti, nato nel 2007 e principalmente basato sulla ricerca di espressione e relazione tra suono, spazio ed emozioni umane.

The Star Pillow attualmente ha pubblicato 12 album su etichette come Boring Machines, Midira Records, Time Released Sound, Paradigms Recordings, Dead Vox, Setola di Maiale, ManzaNera, Taverna Records, Laverna, etc. Suona ininterrottamente in diversi tour e concerti in tutta Europa (Italia, Sardegna e Sicilia comprese, Francia, Svizzera, Slovenia, Ungheria, Belgio, Austria, Olanda, Germania, Polonia, Lettonia, Estonia e Finlandia).
Ha condiviso il palco con gente come William Basinski, Thisquietarmy, Nadja, Dirk Serries, Roy Montgomery, Jessica Moss, Lea Bertucci, Machinefabriek, Modelbau, N, [Bolt], BARST, Treha Sektori, Fuzz Orchestra, VipCancro, Ornaments, Lento, Bologna Violenta, Mombu, Neo, Thank U for Smoking, Simon Balestrazzi, Sarram, Giulio Aldinucci, Andrea Parkins e molti altri. Ha preso parte al Le Guess Who? Festival (NL), Kukemuru Ambient Festival (EST) , H.A.N.S. (NL), Gaudeamus Festival (NL), Suono Prossimo (IT), Rock Valley Festival (IT), Banday Festival (IT), AMM Beyond Festival (IT), Tago Fest (IT two editions), MVP Fest (IT), etc.
Collabora con il pianista Federico Gerini (in molti live e ben quattro album, di cui uno con l’ex Detonazione Bruno Romani) e con il regista Roberto Beani del collettivo Zimmerfrei che ha firmato tutti i videoclip ufficiali. Ha inoltre firmato la colonna sonora dei film “Nascono i Fiori” (Mauro Bartoli LabFilm 2016), “Tutta colpa di una ragazza alimentata ad elio” (Giancarlo Fruzzetti 2015), “Il Disassociato” (Cristina Picchi 2014).

www.thestarpillow.blogspot.com www.facebook.com/thestarpillow www.tavernarecords.bandcamp.com

Posted on Leave a comment

18.11 /// F E S T A M E R C A T O

FESTAMERCATO
LIBRI DI PAROLE E IMMAGINI, NUOVI, USATI E INTROVABILI, VINILI, RIVISTE, FANZINE E CONCERTI
Sabato 18 novembre 2017 dalle 11 alle 21 presso Frida Isola, via Pollaiuolo 3, spazio interno al cortile – secondo piano2012-2017: la libreria Spazio bk compie 5 anni e ha deciso di festeggiare insieme a VOLUM E, Libreria modo infoshop, Libreria Libet, Edicola 518 e Vida Loca Records!
Tutti insieme per una grande festa-mercato dove trovare libri di parole e immagini, nuovi, usati e introvabili, vinili, riviste, fanzine e concerti.

Programma:
ore 11 apertura
ore 12 concerto Maurizio Abate e Riccardo Sinigaglia (matinée minimale-meditativo)
ore 18 presentazione del libro Le due bambine (edizioni Modo Infoshop e Blu Gallery) con VirginiaMori e Domenico Brancale
ore 19 concerto Addict Ameba (esplosione di cumbia e afrobeat)
dalle 20 fino alla chiusura Psychophono djset (gemme tropicali dal mondo)

Le realtà coinvolte:
Spazio b**k è libreria specializzata in libri illustrati, nuovi e usati, per tutte le età e da tutto il mondo. Organizza incontri legati al “guardare” e “fare” e ha un laboratorio dove progetta corsi di formazione sull’educazione alla lettura, sul mondo del libro, sui linguaggi dell’immagine e sulle tecniche dell’artigianato, tra analogico e digitale. Ha aperto a Milano, quartiere Isola, nel 2012.

VOLUM E è un piccolo negozio di dischi e libreria indipendente di Milano specializzato in dischi in vinile, con una particolare attenzione rivolta verso la musica di ricerca, le produzioni underground e le piccole etichette italiane e internazionali, libri di musica, fotografia, fumetti, graphic novel e autoproduzioni. da quando è nato, a settembre del 2016, organizza nei suoi spazi concerti di musica sperimentale e non solo, presentazioni di libri e workshop. VOLUM E BOOTLEG è anche una minuscola etichetta che produce tirature limitatissime di cassette e cd-r, registrati dal vivo e confezionati artigianalmente, di musicisti amici.

Modo Infoshop è libreria specializzata in piccola e media editoria, autoproduzioni, fumetto e multimedia, con attenzione specifica per le arti contemporanee, i nuovi media, i movimenti sociali e le controculture. Organizza incontri, mostre e corsi. E’ anche sede della scuola di calligrafia, miniatura e sign painting “Scrivere a modo” e casa editrice.
Ha aperto a Bologna, in via Mascarella, nel 2003.

Libet è la “libreria del riacquisto” perché propone esclusivamente libri usati degli argomenti più vari: dall’arte alla narrativa, dal cinema alla filosofia e tanto altro ancora. Il senso di Libet è di rimettere in circolo i libri perché continuino ad essere vivi, utili e a dare piacere.
Ha aperto a Milano, quartiere Sant’Ambrogio, nel 2006.
Edicola 518 è un chiosco ribelle per gli amanti della bella carta, situato nel cuore del centro storico di Perugia, di fronte alla chiesa del santo patrono Ercolano. Il bookshop offre una selezione di magazine indipendenti da tutto il mondo e una scelta di libri d’artista, fanzine, scritti anarchici, particolarità editoriali e piccoli oggetti. Nei mesi caldi Edicola 518 organizza dibattiti, incontri, concerti, dj set e altre iniziative sorprendenti nello spazio pubblico che la circonda. Per questo ed altri motivi, gli spazi di Edicola 518 sono stati ribattezzati “Quattro metri quadri di spazio infinito”.

Vida Loca è una label itinerante curata da Giulia Vallicelli, che seleziona fanzine, libri e dischi sotterranei, provenienti dalla scena DIY punk e indie, senza tralasciare l’editoria internazionale di stampo riot grrrl e queercore. Tirature limitate e rarità da riscoprire, per post adolescenti e non. Di base sta a Milano, in giro dal 1998.

Grafica di Giorgia Genocchio! Un grazie immenso a lei.

Posted on Leave a comment

08.10 /// RAINBOW ISLAND in concert

Domenica 8 ottobre alle 18.00

RAINBOW ISLAND
live da VO LUME

L’elettropsichedelia futurista interdimensionale smerluviata dei Rainbow Island finalmente arriva da VOLUM E. Per farvi un’idea del pianeta su cui verrete teletrasportati l’8 ottobre, date un ascolto a Crystal Smerluvio Riddims, l’ultimo album del gruppo romano pubblicato quest’anno da Flying Kids Records e No=fi Recordings.

https://rainbowisland.bandcamp.com/

///

Rainbow Island are an interdimensional-psych band based in Rome, Italy. Crystal Smerluvio Riddims is their second LP following their acclaimed debut RNBW, released in 2012, two cassette releases and their participation in the Interdimensional Folklore Vol. I compilation release by the Milan Communion collective in late 2016.

Rainbow Island is a prominent voice in the Italian psych underground and in the Rome psych community that gravitates around the Dal Verme club, the Thalassa festival and bands such as Mai Mai Mai and Heroin in Tahiti. Rainbow Island’s drummer also played a few dates with Mai Mai Mai in the past months.
Rainbow Island explore interdimensional territories and frequencies coming from distant universes and unchanneled frequencies. Rainbow Island sound brings together elements of electronics, psych-space rhythms and temporal explorations. RNBW was meant to be the inauguration of the project and the launch of the journey to the unexplored Bongolandia, while Crystal Smerluvio Riddims is the continuation of the exploration, brought to a more mature and conscious level. In this new album Rainbow Island’s futuristic psychedelia meets dub and primitive rhythms.

In Rainbow Island words, the rhythmical heart of each composition included in Crystal Smerluvio Riddims is made of a concept of lightning coloured multidimensional bismuth crystal and smerluviante viscous matter. Crystal Smerluvio Riddims is Rainbow Island response to the raising dark Aggrocene geological era and it smerluvio matter. The album is a blob of chaotic sounds and information overload in the shape of a crystal, a place where Rainbow Island tripping across sounds and influences comes together.

Crystal Smerluvio Riddims is released jointly by Flying Kids Records (FKR) – FKR also released Rainbow Island’s first album RNBW in 2012 – and the Rome-based NO=FI Recordings, that already worked with Rainbow Island in 2013 for the tape Road to Mirapuri. The graphics project for the new album has been curated by multi-artist Canedicoda, who is also responsible for the experimental project Ottaven.

Posted on Leave a comment

29.09 /// Claudio Rocchetti mette i dischi HEAVY METAL /// djset

Venerdì 29 Settembre
Ore 19.666

CLAUDIO ROCCHETTI
METTE I DISCHI HEAVY METAL
da VOLUM E
Claudio Rocchetti esordisce nel mondo della musica del demonio nel 1972, suonando (senza tuttavia essere accreditato) il sintetizzatore su Volume 4 dei Black Sabbath. Nel corso della sua carriera partecipa a session in studio con nomi storici dell’heavy metal come Venom, Bathory, (The True) Mayhem, esibendosi spesso con loro nel corso di svariati tour da questa e quella parte di questo e quell’oceano. Un interessante articolo su The Black Flame, organo ufficiale della Church Of Satan, lo definisce “the hidden hand behind at least half of the most outlandishly satanic records release from 1972 to 1989”. Ora che ha messo la testa a posto suona solo con In Zaire e Deadsmoke.
Questa sera suonerà una selezione delle sue canzoni Heavy Metal preferite, anche se non su tutte ha suonato lui stesso. Si entra gratis e si esce forse.

Evento Facebook

Posted on Leave a comment

30.09 /// RAOUL VIGNAL in concert

Sabato 30 settembre ore 18.00

RAOUL VIGNAL
live da VO LUME

Molto felici di ospitare Roul Vignal, folksinger francese che ha fatto un grande disco, The Silver Veil, pubblicato da La Cordillère.
Canzoni acustiche, essenziali, delicate e profonde che riportano alla mente nomi come Nick Drake, Neil Halstead, Leonard Cohen e Matt Elliott.

https://lacordillere.com/raoul-vignal/

//

“Inciso nel 2015, The Silver Veil è une preciosa gemma acustica sospesa tra le malinconie del folksinger e i virtuosismi del primitivista con poetiche ballate crepuscolari strappate al cielo sopra Berlino”. – Luca Salmini, BUSCADERO may 2017

“Un disco davvero più vasto e profondo della sua estetica, non a caso, laconica ed essenziale, che proietta Raoul Vignal tra i nomi più rilevanti apparsi nel nostro Continente e non solo negli ultimi anni.” – Lorenzo Righetto, ONDA ROCK, album of the month, April 2017

“Trattandosi di un album sostanzialmente lineare, non vi è molto da aggiungere dal punto di vista tecnico, sebbene si debba evidenziare quanto la produzione polverosa curata da Martin J. Fiedler contribuisca alla resa di un lavoro intrinsecamente profondo e sentito.” – Samuele Lepore, THE NEW NOISE.it

“Raoul Vignal ha tutti i numeri per distinguersi dagli altri, sia per capacità di scrittura che per la sensibilità e il gusto che trapela da ogni canzone. Un disco dalla bellezza tremula e sfuggente, a tratti commovente, che si fa amare come una piccola cosa preziosa, da collocare accanto agli Herman Düne, ai Sodastream o a Matt Elliott.” – Ignazio Giulotta, DISTORSION

Evento Facebook

Posted on Leave a comment

Helen Money /// live

martedì 12 settembre
ore 1930

HELEN MONEY
(Usa, Thrill Jockey Records)

///

Alison Chesley aka Helen Money è una violoncellista sperimentale con influenze che vanno da Pablo Casas a Šostakovič passando per Jimi Hendrix e Minutemen. questo per far capire fin da subito che il suo è un approccio contemporaneo, libero e punk o addirittura metal a uno strumento ‘classico’ come il violoncello. ha collaborato con artisti del calibro di Bob Mould, Broken Social Scene, Anthrax, Mono, Russian Circles, Disturbed and Poi Dog Pondering, pubblica dischi con Profound Lore Records e Thrill Jockey e ha girato il mondo con gente come Shellac, Shellac, Neurosis, Sleep, Russian Circles, Magma, Agalloch, Earth, and Nina Nastasia. Il 12 settembre sarà da VOLUM E e presenterà il suo ultimo disco “Become Zero” (hrill Jockey 2016).

///

“ Become Zero is an obliteration of the senses to leave one wrung out and euphoric, offering both epiphanies from Heaven and elegies from Hell. ” – The Quietus
“The most interesting feature of Helen Money’s live performance is the ease at which Chelsey’s compositions shift between the two poles of vulnerability and harshness. The whole performance comes off as simultaneously heavy and disarming.” – CVLT Nation
“ Become Zero is spare but heavy, dark but beautiful, melodic but meditative.” – The Guardian